Come fare un curriculum in inglese? Guida al tuo CV perfetto

  • Autore: Caterina Giordo
  • Pubblicato il: 14-05-2018
  • Ultima modifica: 16-01-2021
  • Commenti: 2

 

Come fare un curriculum in inglese? La prima cosa da tenere in considerazione è che non esiste un curriculum generico, anche quando dobbiamo fare un curriculum in inglese.

Per poter capire il senso di questa mia affermazione, facciamo un gioco.

Un minuto, non di più.

Comoda/o?

Bene, chiudi gli occhi ed immagina di essere a capo delle Risorse Umane in una grande azienda.

Sei alla ricerca di una risorsa che lavori in reception e decidi di affidarti ad un sito di annunci di lavoro per trovare possibili canditati.

Dal momento in cui l'annuncio viene pubblicato, ricevi 200 curricula solo nelle prime 24 ore.

Come scegli quello che fa per te?

Immagina di trovarti davanti a curricula scritti in una forma incomprensibile, tutti colorati o così pieni di informazioni da non sapere neanche bene da dove iniziare per leggerli.

Cosa fai?

Te lo dico io, perchè ci sono passata: li cestini.

Il tuo lavoro è trovare una risorsa per la reception, non hai tempo per i giochi di prestigio, siete a corto di personale.

Quindi, prima di perdere ore preziose del tuo tempo con una ricerca inconcludente, interrogati al fine di capire una cosa estremamente importante:

Tu, cosa stai cercando?

Nelle righe che seguono ti darò tutte le informazioni in mio possesso, per aiutarti a trovare il lavoro che cerchi.

Quello che ti dirò è basato su studi e soprattutto esperienze dirette.

Ovviamente ogni persona è diversa, ogni caso è a se.

Ma se inizi seguendo queste semplici regole di base, stai sicuro che qualcosa cambia.

Abbandona l'idea che un lavoro vale l'altro e concentrati solo su te stesso.

Se impari a sfruttare le tue competenze al meglio, se ti sfidi e ti migliori ogni giorno, il risultato sarà 100 volte migliore, anche in termini economici.

 

 

Come fare un curriculum in inglese?

 

Come ti ho accennato non esiste un curriculum generico.

E' fondamentale, quindi, in Italia come all'estero, avere le idee chiare sul tipo di lavoro che stai cercando e preparare il tuo CV adeguatamente.

Quando vivevo in Italia, ho fatto moltissimi lavori per mantenermi mentre studiavo.

Mentre frequentavo l'università facevo tra i due e i tre lavori.

Avendo studiato Arte Visiva e Discipline dello Spettacolo puoi immaginare che la maggior parte dei lavori più belli che avevo la fortuna di iniziare erano anche i più faticosi e meno retribuiti.

Quindi avevo necessità di integrarli con altro, vario ed eventuale, call centre, ristoranti, negozi di abbigliamento etc.

Quando hai vent'anni ti senti invincibile, ed io la stanchezza proprio non la sentivo.

Sono andata avanti così per molto tempo, finché poi non ho lasciato tutto per ripartire da zero a Londra.

Durante i 10 anni in cui ho vissuto a Roma per molto tempo non ho mai fatto fatica a trovare un nuovo impiego, cambiavo spesso per vari motivi.

Cercavo nuovi stimoli, volevo imparare cose nuove e, soprattutto, non volevo trovarmi incastrata a fare un lavoro che odiavo solo per paura di ritrovarmi senza impiego.

Crescendo questa sfacciataggine l'ho persa per un breve periodo, e ci fu un momento in cui mi sono sentita in trappola.

Avevo la sensazione che il mondo intorno a me si fosse fermato, che non ci fossero più le tante opportunità di un tempo e che trovare un nuovo lavoro fosse impossibile.

La verità è che il mio modo di approcciarmi al problema era diverso.

E improvvisamente io stessa ero diventata parte della mia difficoltà.

Se però ripenso al modo in cui riuscivo a trovare lavoro ci sono due punti fondamentali su cui la mia mente si ferma:

  • avevo un curriculum diverso per ogni settore per il quale applicavo
  • la moltitudine di persone che ho incontrato, spesso mi ha dato modo di trovare lavoro senza neanche applicare, ma tramite passaparola

Nell'era moderna, il concetto di passaparola potrebbe essere sostituito con il più internazionale networking.

Ma come fai tu, che sei appena arrivato a Londra e non conosci nessuno, ad utilizzare il networking per trovare lavoro?

Ecco che ci tornano in aiuto i social network.

Tra qualche riga ti spiego come.

Ciò che devi tenere a mente è che, per trovare il lavoro dei tuoi sogni, devi iniziare a pensare fuori dagli schemi.

Dato che stai pensado di partire da solo, o sei già arrivato, la voglia di metterti in discussione ed il coraggio di cambiare non ti mancano.

Forse quello di cui hai bisogno è un metodo.

Curriculum in inglese
Photo by Tobias Herrmann da Pixabay

 

Come fare un buon curriculum in inglese?

 

Una volta capito qual è il ruolo o quantomeno il settore per il quale vuoi applicare, non ti resta che metterti a scrivere il tuo CV in inglese.

Ti consiglio di scegliere un formato semplice, ma soprattutto di facile lettura e comprensione.

Evita assolutamente il formato Europass, è davvero brutto e la sua lettura non è per niente immediata.

Ti mostrerò più avanti degli esempi, ma al di là dei templates che puoi trovare online, nessuno ti vieta di strutturare il tuo curriculum nel modo che tu ritieni più appropriato.

Fai attenzione però, anche il formato del curriculum che scegli o crei deve essere in linea con il tuo settore e con la tua figura professionale.

Perché è vero, dobbiamo trovare il modo per non finire come l'ennesimo pezzo di carta scartato dai selezionatori.

Dobbiamo distinguerci, farci notare e fare in modo che il recruiter di turno si ricordi di noi.

Tutto giusto, ma dobbiamo sempre usare intelligenza.

Perché quando chi lavora nei pub si vede recapitare curricola dipinti a mano, completi di infografiche e profili social annessi per una posizione da cameriere, pensa solo che avete sbagliato azienda.

A meno che tu non ambisca a dirigere il marchio del pub al quale hai inviato la tua candidatura, tieniti semplice.

Se però, ad esempio, stai rispondendo ad un annuncio di lavoro come Chef in un ristorante importante, aggiungere il link del profilo Instagram dove pubblichi tutte le foto (ben fatte) dei tuoi piatti migliori, potrebbe farti guadagnare notevole punteggio.

Possiamo e dobbiamo utilizzare i social network a nostro favore, quando siamo alla ricerca di un nuovo lavoro.

Parallelamente al tuo curriculum in formato word, puoi lavorare al tuo profilo LinkedIn per far notare il tuo curriculum.

Se non sei ancora registrato, ti consiglio di farlo.

Prenditi il tuo tempo, perché dovrai usare LinkedIn come una vetrina per il tuo curriculum vitae.

E non vuoi esporre della merce scadente, ma solo il meglio.

Tramite LinkedIn puoi dare uno sguardo agli annunci di lavoro, per farti un'idea di cosa le aziende cercano.

Ma soprattutto puoi andare a leggere i profili di chi, in quel determinato settore che ti interessa, lavora già da diverso tempo.

In questo modo puoi capire cosa fanno realmente queste persone, da dove sono partire, che possibilità di carriera hanno e come si presentano agli altri.

Una volta che anche tu hai completato il tuo curriculum, non ti resta che approcciare online queste persone, invitarle a connettersi con te e provare a parlarci.

E' gratis, cos'hai da perdere?

Per il tuo CV da inviare alle aziende, se hai necessità puoi dare uno sguardo al modello di curriculum in inglese che ho creato e che puoi prendere come riferimento.

 

CV in inglese: 5 consigli utili

 

Quando ho iniziato a lavorare ai curricula altrui, è stato quasi per caso.

Ho iniziato a dare una mano agli amici che cercavano lavoro, e ai colleghi (ormai ex colleghi) che decidevano di buttarsi in nuove sfide.

Qui a Londra mi sono ritrovata a lavorare per una compagnia che si occupa di retail e wholesale, e ad un tratto i miei skills e la mia voglia di accettare sempre nuove sfide, mi ha portato ad occuparmi di selezione del personale.

Da quel momento, un nuovo universo di opportunità si è palesato davanti ai miei occhi.

Sia che io debba lavorare al mio curriculum personale, oppure a quello di qualcun altro, ci sono delle regole base che tengo sempre a mente.

Vediamo insieme le 5 cose da ricordare durante la stesura del curriculum:

  1. Le statistiche dicono che un recruiter impiega meno di 10 secondi per farsi un'idea del curriculum che ha tra le mani. Verissimo.
    Quando hai una pila di curricula consegnati a mano e altrettante email, ed in più hai tantissime altre cose da fare, la prima impressione è fondamentale.
    Chiunque stia leggendo il tuo curriculum per la prima volta deve capire subito di cosa ti occupi. Scrivilo a chiare lettere.
  2. In UK il curriculum inizia sempre con poche righe che parlano di te, qui devi fare un sommario delle tue competenze ed esperienze. Evita aggettivi generici, e motiva le tue affermazioni con esperienze reali e risultati concreti.
  3. Rileggi e, se serve, riadatta il tuo curriculum prima di ogni invio. Ricorda di inserire le parole chiave che il recruiter sta cercando in quel momento.
    Possono essere skills oppure puoi riadattare la tua ultima esperienza lavorativa evidenziando una mansione piuttosto che un'altra. Per renderti questo passaggio semplice, utilizza un formato che ti permette di effettuare queste piccole modifiche senza dover stravolgere l'intero curriculum.
  4. Quando parli della tua esperienza lavorativa, devi partire dalla più recente, andando indietro per un massimo di due o tre lavori (con la speranza che siano esperienze di almeno uno o due anni). Ricorda che il tuo curriculum deve essere coerente. Inserisci esperienze che hanno a che fare l'una con l'altra, al fine di dare una certa continuità al tuo percorso professionale.
  5. Idealmente il curriculum non deve superare le due pagine. Dovrai pertanto scegliere con cura le informazioni da inserire, se ti sembra invece di non avere abbastanza materiale non preoccuparti. Piuttosto cerca di capire come fare ad arricchire il tuo CV. Potresti valutare delle certificazioni online, cosa che ti consiglio a prescindere, ce ne sono tantissime che puoi ottenere gratuitamente. Oppure puoi optare per delle esperienze di volontariato, in UK quest'ultimo è visto con un occhio di riguardo da moltissime aziende.

 

Come compilare un curriculum in inglese?

 

Come compilare il cv in inglese? Abbiamo visto insieme poche ma semplici accortezze per poter iniziare a lavorare al nostro nuovo curriculum in inglese. 

E' ora di mettersi al lavoro.

Ti ho parlato del formato del curriculum vitae.

Ti ho dato delle linee guida e dei consigli importanti.

Ora voglio darti degli strumenti utili per fare in modo che tu possa iniziare a lavorarci in autonomia.

Se desideri approfondire l'argomento, ho scritto diversi articoli a riguardo.

In uno degli articoli che ho scritto, ho messo a disposizione un modello di cv in inglese in pdf che puoi scaricare e riadattare secondo le tue esigenze.

La rete però è piena di risorse, se vuoi sbizzarrirti con la creatività puoi iscriverti ad un portale che si chiama Canva, dove puoi scaricare template di curriculum vitae in inglese da compilare online

Questo portale ti offre la possibilità di creare tantissime cose in realtà, in questo caso puoi dare uno sguardo ai tanti esempi di curriculum in inglese disponibili.

Se scegli un template creativo, ma ricorda di pensare al lavoro al quale ti candidi prima.

Non lasciarti ammaliare dai colori, resta concentrato.

Se stai pensando che c'è tanta roba da fare e che credevi fosse più semplice, ti capisco.

Però, purtroppo (o per fortuna, date le mille possibilità che hai davanti), la ricerca di un nuovo lavoro è di per sé un lavoro.

E' un lavoro che facciamo su noi stessi, per migliorarci, per cercare di venderci e di proporci nella maniera migliore.

Per raggiungere i nostri obiettivi, per poter guardare indietro tra 2, 3, 5 o 10 anni, e ripercorrere con soddisfazione tutta la strada che che ci ha portati così in alto.

 

Come scrivere un curriculum vitae in inglese

 

Eccoci alla fine di questa guida.

Hai le idee un po' più chiare?

Parte del mio lavoro consiste nell'aiutare gli altri a raggiungere i propri obiettivi.

Ci ho messo tanto tempo a capire quale fosse il pattern che componeva il mio percorso professionale e le mie passioni.

Perciò se ti senti confuso, capisco il tuo senso di smarrimento e la paura di non farcela, di non essere all'altezza.

Ti assicuro però, che è normale sentirsi così, ma soprattutto che è temporaneo.

Perché mentre impieghi il tuo preziosissimo tempo a fare delle ricerche di lavoro, a scrivere il tuo curriculum, a parlare con gli altri, o a seguire qualche corso online per ottenere delle certificazioni in più, in realtà stai gettando le basi per una nuova versione di te.

Stai lavorando alla versione 2.0 di te stesso.

Una versione migliorata, più consapevole, che diventa piano piano più sicura.

Non aver paura di metterti in discussione, di tentare, di fallire.

Il fallimento apre spesso le porte a nuove, meravigliose opportunità, vivilo come una risorsa.

Sentiti libero di scrivermi nei commenti qualora ci fossero dei dubbi che desideri chiarire o anche semplicemente per condividere la tua esperienza.

Farò del mio meglio per rispondere alle tue domande che spero ti aiuteranno a lavorare in autonomia al completamento del tuo curriculum vitae.

Articolo scritto da

Lascia un commento

*** La tua email non verrà pubblicata ***

Per maggiori informazioni consulta la Privacy Policy di ViaggIn

2 commenti

Caterina Giordo

Pubblicato in data 24-08-2019 10:24:16 da Caterina Giordo

Grazie mille, Giovanni!

Giovanni Ditrani

Pubblicato in data 21-08-2019 19:08:49 da Giovanni Ditrani

perfetta descrizione dei punti cruciali e necessari a rendere il curriculum piacevole da leggere. davvero ottimo e soprattutto professionale, complimenti sinceri per il servizio offerto

Privacy Policy