Vivere a Malta nel 2022: guida completa ai pro e contro

  • Autore: Caterina Giordo
  • Pubblicato il: 31-05-2018
  • Ultima modifica: 22-12-2021
  • Commenti: 25

 

Vivere a Malta, conviene? Gli italiani sono alla costante ricerca di nuovi posti dove sperimentare una nuova vita, Malta è senza dubbio una valida alternativa all'Italia, non troppo distante e con un clima ottimo. 

Ma sarà sufficiente?

Si ha troppo spesso la tendenza a sminuire il proprio paese d'origine, con l'idea che all'estero si vive sicuramente meglio, con più diritti e più possibilità.

Sentiamo tante storie ogni giorno di persone che ce l'hanno fatta e siamo arrivati al punto da avere tutti almeno un amico, un conoscente o un parente all'estero.

Dove poco importa, purché sia lontano e ci dica che va tutto bene, per darci quella speranza di cui abbiamo bisogno per continuare ad alimentare i nostri sogni ed i nostri progetti per il futuro.

Questa guida analizzerà un paese poco gettonato rispetto a tanti altri dell'Unione Europea, ma che offre comunque delle possibilità a chi è in grado di reinventarsi.

In questa guida leggerai:

  • aspetti positivi e negativi di vivere a Malta;
  • analizzeremo il costo della vita e degli affitti;
  • parleremo delle possibilità lavorative;
  • analizzeremo gli aspetti legati alla lingua;
  • parleremo dell'importanza di studiare inglese a Malta;
  • vedremo quali possibilità hanno i pensionati italiani che decidono di trasferirsi a Malta.

Concediti qualche minuto per leggere in comodità e per fare i tuoi calcoli e le tue valutazioni.

Salva questo articolo tra i preferiti, così da poterlo rileggere con tranquillità al momento opportuno.

 

 

Vivere a Malta nel 2022

 

Ufficialmente conosciuta come Repubblica di Malta, questo stato membro dell'Unione Europea e del Commonwealth è un vero e proprio gioiello, amato tantissimo dai vacanzieri di tutto il mondo.

Si trova nel cuore del Mar Mediterraneo ed è un arcipelago dove solo le tre isole maggiori sono attualmente abitate.

Isole che prendono il nome di Malta, Gozo e Comino.

In tanti tra coloro i quali decidono di trasferirsi a Malta, lo fanno anche per far pratica con l'inglese, dato che è una delle due lingue ufficiali insieme al maltese.

Anche l'italiano è una lingua molto diffusa, parlata da più della metà dei maltesi.

Attenzione però, se pensi di partire con una conoscenza scarsa o nulla quantomeno della lingua inglese perché tanto "tutti parlano italiano", ti invito a fare un passo indietro.

L'italiano è senza dubbio una lingua con cui i turisti nostrani possono "arrangiarsi", un po' come una sorta di salvagente durante la vacanza.

Se però stai pensando di andare a vivere a Malta per trovare lavoro, devi partire preparato.

Ci sono due opzioni, tra le tante, per chiunque decida di partire alla ricerca di lavoro all'estero e queste valgono per qualsiasi paese del mondo:

  • puoi studiare la lingua in Italia, e partire con una conoscenza discreta, se non buona. Questo unito a qualche soldo per sistemarti nel primo periodo ti aiuterà a trovare lavoro con più facilità;
  • oppure puoi partire con una somma di denaro sufficiente a garantirti la possibilità di studiare sul posto e di non preoccuparti di dover cercare subito lavoro, almeno per i primi mesi. Quanti mesi dipende da te, dalle tue risorse economiche, dalla tua capacità di adattamento e di apprendimento della nuova lingua.

Il tuo grado di preparazione sarà fondamentale durante il tuo inserimento in un nuovo paese.

Più alto il grado di preparazione, migliori le possibilità di riuscita.

Ovviamente ci sono tantissimi casi di persone partite impreparate, all'avventura, che dopo diversi anni di sacrifici sono riuscite ad emergere portando a casa risultati invidiabili e riuscendo a cambiare vita completamente.

Quello che non sai, o di cui forse non ti rendi conto, è il livello altissimo di fatica, sacrificio, determinazione e forza che questo richiede.

Non è per tutti.

Dietro ad ogni successo ci sono tantissimi fallimenti, notti insonni, fatica.

Solo chi è davvero determinato può farcela, tutti gli altri tornano a casa o rinunciano.

Se pensi che io stia esagerando, ti invito a fare due chiacchiere con chiunque vive all'estero e lotta ogni giorno per la realizzazione dei propri obbiettivi.

Ma anche con chi questo lo fa restando in Italia.

Non dimenticarti che anche in Italia è possibile realizzare una vita piena e felice, non serve andare via.

Tutto dipende da noi e dai nostri progetti per il futuro.

Ma torniamo a noi e alla bellissima Malta.

Se stai per partire alla ricerca di lavoro, puoi iniziare a sondare il terreno dall'Italia.

Puoi utilizzare internet ed i social network per entrare in contatto con aziende o persone che già vivono e lavorano a Malta.

Questo ti permetterà di farti delle idee più chiare relative al settore in cui intendi cercare lavoro e potrebbe esserti utile ad iniziare a fare un po' di networking, che al giorno d'oggi è davvero importantissimo.

Cura il tuo profilo LinkedIn al dettaglio, ovviamente in inglese, e inizia a lavorare alla stesura del tuo curriculum.

Un buon curriculum accompagnato da un'altrettanto buona cover letter fanno davvero la differenza quando cerchi lavoro.

Se non hai le idee chiare a riguardo, puoi leggere diversi articoli su questo sito che parlano di come fare un buon curriculum in inglese.

Isola di Gozo a Malta
Photo by Marc Kleen on Unsplash

 

Vivere a Malta con bambini

 

Se stai pensando di trasferirti a Malta con tutta la famiglia, sappi che il territorio è a misura di bambino.

Ci sono molte aree dove i bimbi possono giocare e passare il tempo all'aperto, sono presenti buone scuole e c'è la possibilità di usufruire di asili gratuiti.

Puoi provare ad organizzare una vacanza a Malta con tutta la famiglia per sperimentare lo stile di vita maltese e capire se ti piace e se fa per te.

Mentre se sei residente regolarmente a Malta e aspetti un figlio, ci sono delle cose che ti spettano a seconda della tua condizione.

Ad esempio il contributo di maternità o il bonus maternity.

Per verificare che tu abbia i requisiti necessari puoi consultare le informazioni del Governo Maltese su vivere a Malta con bambini che si occupa di social security, ed eventualmente metterti in contatto con uno degli uffici presenti sul territorio.

Possiamo dire che Malta è sicuramente un paese in cui vivere con la famiglia, dato lo stile di vita ed i possibili supporti da parte del Governo Maltese una volta che ci si è stabiliti.

Naduro all'Isola di Gozo a Malta
Photo by Stephen Lammens on Unsplash

 

Vivere a Malta pro e contro

 

Sebbene ognuno può aggiungere o modificare alcune informazioni in base alla propria esperienza personale, entriamo nel vivo e vediamo quali sono i pro e i contro di vivere a Malta:

Vivere a Malta pro:

  • Il clima. Sebbene non sia la cosa più importante in assoluto, per noi italiani (ma non solo) il clima è un fattore che incide davvero tanto quando valutiamo un posto nuovo. Il clima a Malta è splendido, con delle temperature miti praticamente tutto l'anno ed un inverno come lo conosciamo noi che quasi non esiste. Questo ti permette di godere del paesaggio, del mare e delle bellezze naturali di Malta tutto l'anno.
  • Malta è uno dei paesi dell'Unione Europea che offre maggiori vantaggi a livello fiscale. Non a caso è una meta ambita da pensionati e nomadi digitali, cioè da coloro i quali hanno necessità solo di un laptop e di una connessione ad internet per poter lavorare in totale tranquillità.
  • Malta è un paese molto turistico, se ami confrontarti e conoscere culture diverse e la calca non ti infastidisce, può essere un posto interessante in cui vivere.
  • Anche dal punto di vista culturale è interessante. Sebbene Malta non sia particolarmente grande, è ricca di storia e non mancano eventi culturali. Sul territorio sono presenti 3 siti archeologici considerati Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco ed in più La Valletta è stata nominata Capitale Europea della Cultura.
  • Per i cittadini europei che decidono di cercare lavoro a Malta non è necessario il Visto. Se però decidi di restare sul territorio per un periodo superiore ai tre mesi, hai bisogno di applicare per il permesso di residenza per vivere a Malta, Maltese residence permit. Ricorda, oltretutto, di effettuare l'iscrizione AIRE.
  • A Malta il tasso di criminalità è molto basso.

 

Vivere a Malta contro:

  • Malta è adorabile, ma non è una metropoli. Oltretutto parliamo di isole abbastanza piccine (Malta si estende per circa 246 kmq). Il che significa che è tutto concentrato in uno spazio limitato e che ogni volta che dovrai spostarti fuori da Malta, non basterà prendere l'auto o il treno. Questo potrebbe incidere sia sul tuo stato d'animo che sulle tue finanze (soprattutto nei periodi di alta stagione).
  • Spostamenti interni spesso difficoltosi per via del traffico, della scarsità di parcheggio e del caos.
  • Il trasporto pubblico interno non è il massimo.
  • Se non hai un piano preciso e possibilmente a lungo termine, potresti trovare la tua nuova vita a Malta una grande perdita di tempo prezioso.
  • Gli stipendi per i lavori non specializzati sono molto bassi, più bassi che in Italia. Questo a volte entra in contrasto con il costo della vita e degli affitti che invece continua a salire (anche se non in maniera eccessiva).
Malta
Photo by Michał Ampuła on Unsplash

 

Vivere a Malta: affitti e costi

 

Per quanto riguarda l'affitto di un appartamento a Malta, sempre più persone lamentano il fatto che il costo continua ad aumentare.

Questo è dovuto alla sempre crescente richiesta, che permette ai padroni di casa e alle agenzie di tirare sempre più su il prezzo.

E' essenziale però ricordare che, come dappertutto, ci sono alcune zone più care di altre, in base alla popolarità e ai servizi che queste offrono.

Tra le zone più popolari tra i cosiddetti expats (coloro che migrano a Malta) troviamo Sliema, St. Julian's e il distretto di Paceville, famoso per locali, pubs, ristoranti e la sua vita notturna.

Qui trovi praticamente tutti i servizi di cui puoi avere bisogno, ma essendo aree anche molto turistiche quando arriva l'alta stagione diventano davvero affollate.

La capitale, Valletta, è una città turistica molto bella ed è uno dei siti Patrimonio dell'Unesco.

Nel cuore di Malta, ci sono anche piccole cittadine come Attard, dove il costo degli affitti è molto più contenuto rispetto a luoghi più turistici. Un appartamento ad Attard con 3 camere da letto si trova tranquillamente anche per circa €600 mensili.

A prescindere dal costo degli affitti, la scelta della zona verrà influenzata anche dal tipo di lavoro che andrai a fare e dalla sede del tuo ufficio.

Sebbene Malta sia di dimensioni ridotte, non vuoi ritrovarti a passare gran parte del tempo in viaggio per andare e tornare dal lavoro, ti conviene non allontanarti troppo.

Se invece lavori come libero professionista, le tue priorità cambiano e puoi semplicemente scegliere il posto in base a ciò che preferisci.

Ci sono diversi siti internet di agenzie immobiliari a Malta che puoi consultare anche dall'Italia, così da avere un'idea in tempo reale della situazione del mercato immobiliare.

Se ad esempio utilizzi il sito della Re-Max di Malta, puoi tranquillamente trovare dei buoni appartamenti con una, due o più camere da letto ad un costo compreso tra i €500 e i €1000 euro mensili circa.

Sicuramente il costo degli appartamenti sta salendo, ma si trovano ancora molte occasioni a prezzi più che ragionevoli, soprattutto in aree non centrali.

Mellieħa a Malta
Photo by Hasmik Ghazaryan Olson on Unsplash

 

Vivere a Malta da pensionato

 

Se per un giovane lavoratore Malta ha dei pro e dei contro legati al tipo di impiego, al salario, alla condizione lavorativa, per un pensionato italiano la situazione è un pochino più facile.

Per molti pensionati italiani la situazione nel nostro paese non è tra le più rosee, e mentre i giovani hanno la forza e le competenze per rimboccarsi le maniche e lavorare duro, chi ha passato gli ultimi 40 anni al lavoro ha solo voglia di rallentare un po' il ritmo e godersi anche un po' la vita.

Così non è raro che, nonostante le meraviglie del nostro Bel Paese, sempre più pensionati facciano i bagagli alla ricerca di un posto in cui spendere la propria pensione riuscendo a ridurre la tassazione al minimo per poter ottimizzare le spese.

 

Vivere a Malta da pensionato italiano

Anche Malta rientra in quella categoria di paesi con un sistema fiscale vantaggioso, oltretutto è stato introdotto per i pensionati provenienti da EU, EEA e Svizzera il Malta Retirement Programme (MRP).

Attenzione però, tutti i pensionati italiani prima di trasferire la propria pensione all'estero devono verificare tramite gli uffici INPS di non incorrere in doppia tassazione.

I pensionati ex dipendenti pubblici non possono percepire la pensione italiana in uno Stato straniero.

I pensionati privati invece possono ma è sempre bene contattare l'INPS dato che ogni pratica è a sé.

Per evitare sorprese è essenziale informarsi con anticipo.

Qualora tu sia tra quelle persone in grado di trasferire la propria pensione all'estero senza problemi, puoi consultare il sito del Governo Maltese per verificare l'eleggibilità relativa al MRP.

Sommariamente, puoi godere di MRP se:

  • la tua pensione costituisce almeno il 75% degli introiti tassabili;
  • non ricevi nessun beneficio associato ad altri schemi o programmi relativi a patrimonio netto/salario/pensione (qualora fosse così puoi rinunciare a questi benefici per applicare per il MRP);
  • non sei cittadino maltese né extra europeo;
  • paghi regolare affitto o possiedi una casa di proprietà a Malta (online trovi la specifica relativa al valore minimo dell'immobile di proprietà e all'affitto minimo necessario). Affitto e subaffitto degli immobili non sono permessi;
  • non sei domiciliato a Malta ne intendi richiedere la domiciliazione per i 5 anni dalla data in cui viene effettuata la richiesta;
  • puoi comunicare fluentemente in una delle lingue ufficiali di Malta (maltese o inglese);
  • sei in possesso di assicurazione sanitaria.

Oltretutto ti verrà richiesto un certificato che prova che non sei soggetto a procedimenti penali in corso.

L'aliquota fissa per chi usufruisce del MRP è del 15%.

Il costo della procedura è di €2500, non rimborsabile.

Ovviamente, all'interno del documento ufficiale trovi tutte le informazioni necessarie in maniera più approfondita.

Il documento ufficiale è in inglese, pertanto ti consiglio di farti aiutare da qualcuno di affidabile qualora tu non sia pratico con la lingua.

Nel frattempo, potresti considerare di ampliare le tue conoscenze linguistiche, partendo dal presupposto che si tratta di requisiti essenziali.

La città di Valletta a Malta
Photo by Zoltan Tasi on Unsplash

 

Vivere a Malta: quanto costa?

 

In linea generale il costo della vita a Malta non è spaventoso, anzi resta tra i più accessibili in Europa, nonostante gli aumenti degli ultimi anni.

Se vuoi farti un'idea più precisa, puoi consultare i siti internet dei supermercati sul territorio così da capire quanto costa fare la spesa a Malta.

Il costo dei beni di prima necessità non si discosta da quello di molte città italiane.

Ad esempio per un pacco di sei uova il costo va da €1 a €1.50, mentre per un litro di latte si spendono circa €0.90 centesimi in media.

Malta ha un'IVA al 18% e questo influisce in maniera positiva sul costo della vita nel complesso.

Ovviamente, se rapportiamo il costo della vita maltese con lo stipendio minimo full time di uno dei tanti lavori non specializzati, che si aggira su una media di €1000 al netto delle tasse, notiamo che c'è una certa disparità.

Il mio consiglio è quello di non partire per Malta senza un piano, con l'idea di accettare un lavoro qualsiasi perché le difficoltà economiche a cui potresti andare incontro non sono poche.

E' meglio posticipare la partenza di qualche mese, ma arrivare il più preparati possibile.

In merito al sistema sanitario nazionale, questo è gratuito.

Oltretutto l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha messo Malta al quinto posto analizzando più di 100 paesi.

Isola di Malta
Photo by Micaela Parente on Unsplash

 

Studiare inglese a Malta

 

Studiare inglese a Malta è un'ottima scelta se vuoi:

  • imparare bene la lingua;
  • ottenere una buona certificazione;
  • trovare un nuovo lavoro;
  • fare una piacevole esperienza.

Come abbiamo visto la lingua ufficiale a Malta è l'inglese e credimi che non c'è modo migliore per apprendere la lingua anglofona.

A differenza di altre realtà, come ad esempio Londra, Malta è molto economica e per questo motivo oggi giovani e meno giovani decidono di studiare in questo territorio.

Malta gode infatti di ottime scuole di inglese le quali però hanno prezzi davvero accessibili.

Così, tra costi contenuti, una vita con un clima mite e in riva al mare, imparare la lingua inglese a Malta può essere una buona alternativa ai paesi del Nord Europa.

Il mare all'Isola di Malta
Photo by Rowan Heuvel on Unsplash

 

Vivere a Malta opinioni

 

Nel complesso Malta è una nazione che vale la pena prendere in considerazione, se non altro per una vacanza date le sue bellezze.

Se stai valutando questo paese per trasferirti all'estero e cambiare vita, ti consiglio a prescindere di non arrivare sul territorio con un biglietto di sola andata senza esserci mai stato.

Una scelta come questa può rivelarsi spesso controproducente.

Trattandosi di un posto così particolare, e piccino, è proprio fondamentale che tu abbia le idee chiare sul tipo di vita che ti aspetta, ma soprattutto sul tipo di vita che desideri.

Se appartieni, come noi, alla categoria di nomadi digitali, sono certa che troverai Malta adorabile.

La possibilità di lavorare col laptop in riva al mare non ha prezzo, ed indipendentemente dal tempo che deciderai di trascorrere sull'isola, porterai con te il ricordo di un'esperienza meravigliosa.

Se sei arrivato fino a questo punto, spero di aver chiarito alcuni tra i tuoi dubbi iniziali che ti hanno portato qui.

Se invece tu dovessi avere altri dubbi o domande, o semplicemente desideri condividere con noi la tua esperienza, lascia un commento e ti rispondo quanto prima.

Articolo scritto da

Lascia un commento

*** La tua email non verrà pubblicata ***

Per maggiori informazioni consulta la Privacy Policy di ViaggIn

25 commenti

Umberto

Pubblicato in data 18-08-2021 12:14:03 da Umberto

Ciao Alessia, ti scrivo da pensionato, quanto tempo bisogna rimanere a Malta per poter poi avere la residenza e quindi trasferire la pensione in una Banca di Malta? Ed eventualmente altre condizioni......grazie! Saluti Umberto. Complimenti per tutte le altre informazioni molto chiare e dettagliate.

Caterina Giordo

Pubblicato in data 02-10-2019 21:00:30 da Caterina Giordo

Ciao Claudio, Non conoscendoti non saprei bene cosa consigliarti. Se, ad esempio, sei molto giovane, pensi che questa esperienza possa aprirti le porte a qualcosa di realmente buono e desideri fare esperienza all'estero potrebbe essere una buona opportunità. Però devi decidere in base alla tua situazione, a quello che lasci in Italia e a quello che ti aspetti dal futuro.

claudio

Pubblicato in data 30-09-2019 13:43:53 da claudio

ciao Caterina Mi hanno proposto di lavorare a malta per 3 anni come installatore di climatizzatori. Non so dove andrò a vivere, ma so che mi pagheranno circa 700 euro al mese, con alloggio pagato. Secondo te è una scelta conveniente?

Caterina Giordo

Pubblicato in data 04-09-2019 19:23:48 da Caterina Giordo

Ciao Ilaria, purtroppo non ti so dare una risposta certa dato che molto dipende dai requisiti richiesti dalle singole scuole. L'ideale è mettersi in contatto con l'istituto al quale pensi di iscrivere il bambino e verificare con loro quali sono i requisiti, i documenti richiesti e le tempistiche per l'iscrizione Grazie a te per il commento e buona fortuna :)

Ilaria

Pubblicato in data 03-09-2019 14:20:22 da Ilaria

Ciao Caterina, ho appena perso il lavoro (in Asia) e sto pensando di intraprendere la strada della nomade digitale... ho un bambino di 8 anni e sto pensando di trasferirmi a Malta. Sai per caso se lui potra' accedere alle scuole appena arrivati? Purtroppo non abbiamo tempo di fare un sopralluogo, e' stato tutto molto rapido. Ho visto che pur essendo cittadini UE, sara' necessario richiedere un visto. Grazie mille! Ilaria

Caterina Giordo

Pubblicato in data 12-01-2019 16:05:46 da Caterina Giordo

Ciao Alessia, Tenendo in considerazione le tante variabili, consiglierei (se possibile) di partire con un bugdet di almeno €4000 totali per stare tranquilli e non dover fare le corse per trovare un lavoro, rischiando magari di accettare il primo che capita per la fretta. Se avete di più tanto meglio. Grazie per il commento e buona fortuna! :)

Alessia

Pubblicato in data 12-01-2019 9:18:35 da Alessia

Ciao :) Articolo molto interessante, complimenti! Volevo sapere a grandi linee, secondo te quale è più o meno il budget iniziale ideale per una coppia per trasferirsi sull'isola? Considerando di dover cercare casa,lavoro ecc? Entrambi io ed il mio ragazzo parliamo inglese (viviamo a Londra da 5 anni) Come hai chiaramente detto tu stessa dipende dalla zona che si sceglie e dallo stile di vita che si vuole fare, ma se dovessi consigliare all'incirca un budget, quale sarebbe? Grazie mille!

Caterina Giordo

Pubblicato in data 26-12-2018 22:47:26 da Caterina Giordo

Ciao Alfonso, se l'offerta di lavoro che hai ricevuto è buona e pensi che anche senza parlare inglese ti sia possibile lavorare senza problemi, potresti considerarla per fare esperienza e per sondare il terreno. Se poi Malta ti piace e ti trovi bene puoi considerare di restare, nel frattempo iniziare un buon corso d'inglese e valutare il da farsi. Nel caso in cui l'inglese ti serva per il lavoro che ti hanno proposto le cose ovviamente cambiano. Purtroppo, senza conoscere la lingua è tutto davvero difficile. Non puoi, ad esempio, accettare un lavoro a contatto col pubblico senza essere in grado di comunicare. Ti è impossibile capire ed essere capito, e anche le cose più semplici diventano ostacoli quasi insormontabili. In questo caso ti consiglierei di studiare in Italia e poi partire per continuare a migliorare una volta sul posto. E' tutto soggettivo, ovviamente, però rischi di trasformare quella che può essere una splendida esperienza in un'incubo dal quale scappare il prima possibile. Non ti dico questo per scoraggiarti, solo per invitarti ad una riflessione che sia il più possibile oggettiva. La decisione finale spetta a te, e sono certa che dato che conosci meglio di me la tua situazione farai la scelta migliore per te. Spero di esserti stata d'aiuto. Grazie per il commento, ti auguro buona fortuna e buone feste! :)

Alfonso

Pubblicato in data 25-12-2018 15:31:38 da Alfonso

Ciao Caterina, mi chiamo Alfonso, ho letto il tuo articolo ,l'ho trovato davvero interessante .Ho ricevuto un offerta di lavoro per Malta,per un paio di mesi ,solo che io non parlo inglese..,tempo fa ho studiato Giapponese per tre anni (lo so assurdo che non parlo inglese...) cmq secondo te posso lavorare li e poi magari nel pomeriggio o magari la sera fare una scuola di Inglese? il mio livello di Inglese è scolastico = 0. Voglio integrarmi bene e poter comunicare con le persone ,sono una persona molto socievole ,quindi spero di poter imparare bene la lingua per vivere bene li .Grazie se leggerai il mio messaggio ,buone feste Caterina.

Caterina Giordo

Pubblicato in data 15-12-2018 12:14:13 da Caterina Giordo

Grazie a te Andrea, facci sapere come ti trovi una volta arrivato! Buona fortuna :)

andrea

Pubblicato in data 14-12-2018 10:21:38 da andrea

Buongiorno, nel 1990 sono stato 10 giorni a Malta, come turista, in agosto. Ero molto più giovane e la vacanza capitò in un periodo sbagliato, Di assolutamente piacevole ricordo il caldo. E sarà proprio il clima caldo che mi spingerà a prendere in considerazione il mio trasferimento definitivo in quella località entro brevissimo tempo. Amo il caldo e il mare, e Malta è qui vicina, di critico vi è solo che non è troppo verde e che vi sono troppe chiese. Ma sono passati tanti anni e forse qualche cosa è mutata. Non parto da zero e mi basterà un piccolo viaggetto di pochi giorni per organizzare il tutto e poi salutare l'Italia ....... definitivamente. Grazie.

Caterina Giordo

Pubblicato in data 19-11-2018 11:18:33 da Caterina Giordo

Ciao Marta, Grazie a te per il commento. Volendo generalizzare, la popolazione maltese è molto accogliente. Ovviamente, dato che ti ritroverai in un paese straniero per lavoro, l'ideale è che tu arrivi preparata, con un buon livello di inglese così da riuscire ad integrarti più in fretta e con più facilità. Essendo una meta turistica molto popolare, in estate trovi tantissime persone provenienti da tutto il mondo. L'isola nei mesi estivi si trasforma completamente. Un saluto :)

marta

Pubblicato in data 17-11-2018 23:41:35 da marta

Ciao Caterina, complimenti per l'articolo, l'ho trovato davvero molto utile e interessante. Stavo pensando di trasferirmi a Malta per la prossima stagione estiva e hai risposto a molti dei dubbi che avevo; Ma mi domandavo... come é la gente? Ovvero, volendo generalizzare, la popolazione che abita Malta é accogliente con chi viene dall'estero a cercare lavoro? si podrebbe definire un isola cosmopolita con gente da tutto il mondo o prodominano nettamente I maltesi? e I maltesi che tipo di carattere hanno? Ti ringrazio in anticipo!!

Caterina Giordo

Pubblicato in data 21-10-2018 19:21:27 da Caterina Giordo

Ciao Fiorenza, La sanità maltese è stata in passato riconosciuta come una delle migliori al mondo dall'Organizzazione mondiale della sanità - OMS, per chi vive e lavora a Malta è gratuita (viene finanziata con lo stesso principio dell'NHS britannico) e risulta essere molto efficiente. Puoi usufruirne gratuitamente anche in qualità di turista proveniente dall'UE, ma devi assicurarti di portare con te l'EHIC (European Health Insurance Card) o TEAM (Tessera Europea Assicurazione Malattia) in corso di validità (il nuovo tesserino del codice fiscale, per itenderci). Un saluto :)

Fiorenza

Pubblicato in data 19-10-2018 20:29:45 da Fiorenza

Ciao come é la sanità a Malta? Non inerente ai costi ma riguardo all'efficienza! Vivo a Londra da 5 anni e ad oggi mi sn resa conto di quanto sia scarsa qui la sanità e quanta incompetenza ci sia e questo mi spaventa molto x il mio futuro e x i miei figli futuri ke potrò avere! Grazie!

Caterina Giordo

Pubblicato in data 13-10-2018 13:31:22 da Caterina Giordo

Ciao Annamaria, Sono felice che tu abbia trovato utile l'articolo. Cambiare vita e paese non è mai facile, e mi rendo conto che farlo in età adulta comporta azioni molto coraggiose. Non è impossibile però, trovo anzi bellissima la voglia ed il coraggio di chi, come te, decide di non farsi abbattere dal corso degli eventi ma reagisce in modo positivo. Malta è davvero bella, La Valletta è una cittadina a misura d'uomo, che si vive e scopre con piacere. La scelta del posto dipende in realtà molto da quello che cerchi, dal lavoro che pensi di fare e dal tuo stile di vita. Al di la della capitale puoi visitare Sliema o St Julian's che sono zone molto turistiche, che si popolano durante la bella stagione. Se invece preferisci la quiete e la tranquillità di zone meno frequentate puoi optare per la parte più interna dell'isola. Il mio consiglio è quello di partire per un viaggio abbastanza lungo (qualche settimana, se puoi) da riuscire a farti un'idea del posto, così da poter scegliere tenendo conto di quelle che sono le sensazioni e le impressioni che il luogo ti trasmette. Nel frattempo puoi provare a cercare lavoro online, così da capire dov'è maggiore l'offerta di lavoro e magari iniziare da li. Quella di partire da sola è una scelta importante, ma sono certa che ti darà modo di incontrare tantissime persone interessanti lungo il percorso. Grazie per avermi scritto, ti auguro buona fortuna con la tua nuova avventura indipendentemente dal luogo in cui ti porterà :)

Annamaria

Pubblicato in data 11-10-2018 23:15:51 da Annamaria

Bellissimo articolo e molto ispirate, grazie Caterina. È da tempo che penso di cambiare vita (Milano sta iniziando a diventarmi stretta) ed a 52 anni per la mia azienda ero troppo "Grande", quindi c'è stata una riduzione del personale a settembre. Dopo la botta iniziale mi sto rendendo conto che forse è un segno di cambiamento e sto pensando di venire a Malta un paio di mesi per imparare l'inglese e rimettermi in gioco. Ora seguirò un corso qui a Milano giusto per avere le basi. Hai parlato di poca criminalità, quindi se dovessi venire da sola non ci dovrebbero essere grossi problemi. Hai qualche zona da consigliarmi? Grazie mille in anticipo.

Caterina Giordo

Pubblicato in data 28-08-2018 19:55:38 da Caterina Giordo

Forse è proprio lo spirito di ricerca che poi ci porta a fare sempre un passo in avanti, così da non restare mai fermi ad un punto morto. Ho sempre trovato ispirazione nell'intraprendenza altrui. Ti auguro di trovare sempre quel che cerchi :)

Alessandro

Pubblicato in data 28-08-2018 19:41:27 da Alessandro

Si immagino la durezza delle scelte, sapessi le mie..... avresti già un bestseller da pubblicare! Ma sai bella vita esistono persone un po’ “ strane” che sembrano sognare soesdo sperando in qualcosa di migliore e di stimolante, come me e forse come te. Ecco la base delle mie scelte, la ricerca di questa strana linfa vitale, sacro Graal del mio coesistere.

Caterina Giordo

Pubblicato in data 28-08-2018 19:20:12 da Caterina Giordo

Ciao Alessandro, sono felice che tu abbia trovato utile l'articolo. Cercherò di rispondere alle tue tante domande: - la vita di un nomade digitale ha i suoi vantaggi ed i suoi svantaggi, un po' come chiunque decida di fare il libero professionista, nel momento in cui lavori in autonomia e non hai più la sicurezza del posto fisso la tua vita cambia. Nel mio caso, e nel caso di moltissimi freelance, la libertà di organizzare il proprio tempo ha un peso maggiore della comodità e della sicurezza di un contratto stabile. E' però una scelta estremamente soggettiva; - a Malta ti puoi spostare in bicicletta anche utilizzando servizi di bike sharing (ormai diffusi ovunque), considera però sempre le distanze che dovrai percorrere ed il tipo di strada; - l'inverno è tutt'altro che rigido, come specificato nell'articolo, il fattore climatico è decisamente un pro; Per il resto credo ognuno possa essere benvenuto in qualsiasi paese del mondo, purché si dia da fare e rispetti le regole del luogo che lo ospita. La meritocrazia è un fattore che fa brillare spesso gli occhi degli italiani all'estero, ma non è tutto oro quel che luccica e l'estero non è il paradiso. Comunque, se ti impegni e lavori sodo puoi ottenere grandi risultati. Ti auguro davvero buona fortuna con la tua nuova avventura! :) A presto.

Alessandro

Pubblicato in data 28-08-2018 18:43:03 da Alessandro

Ciao, ho letto tutto d’un fiato il tuo articolo e complimenti per tutto l’amore che ci hai messo! Ma come si vive da “Nomadi digitali”? Io avrò dei colloqui in qualche hotel in vista della stagione invernale, dovrei tornare a fare il portiere turnante ( cioè fare tutti i turni comprese le notti.... duretto credimi) e sto anche valutando dei lavoretti extra perché ancora non so quanto guadagnerò in base alle proposte che valuterò. Vorrei abitare da solo per poter riposare a dovere e perché non ho più 40 anni (appena 12 in più), spero trovare casa vicino al posto di lavoro. Il punto è che se non si circola agevolmente in moto ( che vorrei portarmi) ci si muove in bici ? L'inverno è rigido? Ed infine... come vedi tu questo cambio di vita al mio posto? Con le lingue e con la volontà sono a posto e mi sembra di capire dalle tue parole, e da chi è già stato la, che l’italiano è il benvenuto e che esiste la meritocraziea, triste limite in Italia invece, esatto? Insomma, colloqui di lavoro “ad visus” ed è fatta, o sì o no ma sai subito la risposta, ed a chi possiede esperienza ed affidabilità non si guarda l’età (...una bella presenza mi aiuta nel mio caso...). Grazie in anticipo della paziente risposta e ti auguro di cuore una vita felice, spero di conoscerti una volta laggiù.

Caterina Giordo

Pubblicato in data 29-06-2018 13:28:01 da Caterina Giordo

Ciao, un appartamento a Gozo si puo' affittare anche con 350/400 euro al mese. L'ideale per capire meglio e' quello di consultare dei siti di agenzie immobiliari. Ovviamente, dato che il costo dell'affitto di un appartamento intero e' cosi' basso, difficilmente affittare una stanza permette di ricavare grandi somme in grado di fare la differenza. Con 1000 euro mensili si puo' sopravvivere con delle limitazioni, che variano in base alle necessita' del proprio stile di vita e delle proprie abitudini. Grazie e a presto.

is

Pubblicato in data 27-06-2018 17:16:51 da is

ciao vorrei trasferirmi a Gozo. percepisco una pensione di 1000 euro. posso vivere serenamente con questa cifra. pensavo magari di trovare un appartamento con 1 Camera in più da affittare per arrotondare le mie entrate. grazie a chi mi risponderà

Caterina Giordo

Pubblicato in data 05-06-2018 11:57:19 da Caterina Giordo

Ciao Claudia, Grazie per il tuo commento. Essendo Malta una realtà completamente diversa da ciò a cui probabilmente sei abituata fino ad ora, considerando anche e soprattutto le dimensioni delle isole, il mio consiglio è quello di fare almeno un sopralluogo con tutta la famiglia. Potresti, compatibilmente con le vacanze scolastiche dei tuoi figli, prendere in affitto un appartamento per un tempo che sia lungo abbastanza da farti sperimentare la vita a Malta. Avresti modo di capire se fa per voi, se vi piace, e soprattutto potresti entrare in contatto con persone del luogo per iniziare ad avere le idee più chiare su come muoverti per l'apertura della tua eventuale attività commerciale. Capire quali sono i costi, la burocrazia etc. Credo che, trattandosi di un grande passo per tutta la famiglia, sia l'ideale prepararsi il più possibile. Questo ovviamente vale per tutti i Paesi del mondo, a meno che tu non ci sia già stata e abbia già dei contatti sul territorio. In quel caso tutto cambia. A presto!

Claudia

Pubblicato in data 05-06-2018 0:19:08 da Claudia

Ciao Caterina, Mi chiamo Claudia, sono romana e vivo a Montréal da 6 anni. É tempo Di partire e stiamo valutando alcune mete tra cui malta. Ho tre figli 7 10 e 12 anni. Ho una tavola calda ed é cio che vorrei continuare à fare nella mia prossima meta Cosa ne pensi Grazie

Privacy Policy